Come fare un’indagine di mercato low cost

0
1221

Prima di aprire qualsiasi attività è necessario:

  1. analizzare il mercato locale
  2. analisi le risorse aziendali disponibili
  3. definire gli obiettivi
  4. progettare il punto vendita
  5. realizzare il punto vendita
  6. organizzare il lavoro

L’analisi di mercato è la prima e più importante tappa che fornisce risposte a domande fondamentali come: quali sono le potenzialità e i limiti del mercato in cui ci muoviamo? Quali nuove tipologie di clienti possiamo conquistare? Come ci posizioniamo rispetto ai concorrenti?

Una ricerca di mercato fornisce un quadro di riferimento dell’area in cui si opera o si intende intraprendere una nuova attività. La ricerca fornisce una serie di dati statistici sugli abitanti dell’area esaminata e propone una stima dei fatturati realizzabili.

Le principali informazioni che una ricerca di mercato è in grado di fornire sono:

  • il numero di abitanti;
  • Il bacino d’utenza, che indica l’area geografica da cui provengono i clienti. Il bacino di utenza di un punto vendita dipende:

–  dalla posizione e dalla visibilità del punto vendita. Un punto vendita situato lungo una strada percorsa ogni giorno da migliaia di pendolari, ha un bacino di utenza più ampio di un punto vendita situato in città.
–  dalla dimensione e dalla ricchezza dell’assortimento: più ampia è la varietà di proposte e più il cliente sarà disposto a spostarsi per raggiungere quel   determinato punto vendita.
–  dallimmagine e dalla notorietà dell’azienda: quanto più un’azienda è affermata tanto più godrà di un bacino di utenza più ampio.
–  dalla conformazione del territorio e dalla viabilità.

  • il numero di aziende;
  • il numero di ospedali;
  • il numero di uffici pubblici;
  • la segmentazione per fasce di reddito, professione, età, nuclei familiari, eccetera;
  • Patrimonio edilizio e progetti urbanistici. Fornisce informazioni riguardanti:

– la composizione e le principali caratteristi che del patrimonio edilizio esistente nel bacino d’utenza;
– la presenza o meno di aree edificabili;
– la previsione di eventi che possono produrre un incremento delle costruzioni nuove o delle ristrutturazioni;
– piani di riqualificazione urbana approvati dai comuni;
– la creazione di nuove zone residenziali;
– incentivi o agevolazioni per gli interventi di ristrutturazione degli edifici più vecchi;
– nuovi piani regolatori in fase di studio o di attuazione;

  • I concorrenti. Per definire il posizionamento del punto vendita è necessario conoscere i concorrenti presenti nell’area in cui si opera si intende operare. Nella misura in cui aumentano le tipologie dei prodotti proposti, il quadro della concorrenza si fa più complesso. Una buona analisi della concorrenza dovrà includere, per quanto possibile, tutti gli attori che si contendono il mercato nell’area interessata. L’analisi della concorrenza deve tendere a evidenziare i punti di forza e le carenze delle aziende esaminate e fornire indicazioni utili per le scelte strategiche nelle aree: marketing, comunicazione, vendita e servizi al cliente.